Il gioco di Gerald

AUTORE: Stephen King;
TITOLO/LINGUA ORIGINALE: Gerald's Game, inglese;
ANNO/EDITORE: 1992, Sperling paperback;
COLLANA: Superbestseller;
GENERE: thriller introspettivo;
PAGINE: 368;
TRADUTTORE: Tullio Dobner;
ISBN: 88 8274 348 9;
PREZZO: 7, 80 euro;
CITAZIONE:
"Oh mio Dio, sono quassù tutta sola. Sono sola."

VOTO: ♥ ♥ ♥
TRAMA:
Gerald è riuscito a convincere la moglie Jessie a passare un weeckend nella loro casa al lago, con il preciso intento di coinvolgerla nell' ennesimo giochino sessuale schiava-padrone che sembrano eccitarlo tanto.. ed è proprio mentre la stà ammanettando al letto con addosso solo un paio di lsip che lei, definitivamente stufa di queste buffonate, dice no.
Ma Gerald sembra non capire, o non voler capire, così Jessie completamente in balia del marito sferra un disperato calcio per cercare di allontanarlo da se.. purtroppo le cose prenderenno un risvolto inaspettato: Gerald, in seguito al calcio, viene colto da un infarto e muore sul colpo, lasciandola sola e nuda legata ad un letto in una casa isolata. Completamente sola e in balia del suo terrore sarà costretta a affrontare tutti i suoi ricordi più segreti, compresa una scomoda violenza subita da bambina che con tanto affanno si era prodigata a nascondere.
Come se questo non bastasse un cane randagio riesce ad entrare in casa per cibarsi della carcassa dell' uomo, e una misteriosa ed inquetante figura umanoide sembra sbucare fuori dall' oscurità per fare del male all' inerme Jessie..

COMMENTO:

Di solito di Sthepen King preferisco di gran lunga i racconti brevi, ma in questo caso devo ammettere di essermi trovata difronte ad una piacevole sorpresa; a comporre la storia vanno tutti i tipici fattori della letteratura di King: l' isolamento, l' introspezione psicologica, l' eclissi e il "mostro" venuto dall' oscurità; anche se quest' ultimo elemento si rivela alla fine in un' inaspettato colpo di scena. Parte portante del libro è, ovviamente, l' introspezione di Jessie che si fa sempre più delirante e sconnessa, portandole, e quindi portandoci, a confondere realtà con follia..
In generale perciò un buon libro, che mi sento di consigliare ai più, certamente non a chi non apprezza le storie con poca azione e molta introspezione.

CONSIGLIATO: si.
PRELUDIO:
"Jessie sentiva la porta di servizio che sbatteva piano, a intervalli regolari, nella brezza d' ottobre che soffiava per la casa. In autunno lo stipite si gonfiava puntualmente e occorreva tirare la porta con forza per serrarla. Questa volta se ne erano dimenticati. Pensò di dire a Gerald di andare a chiuderla prima che ossero troppo lanciati, con il rischio che quel rumore le facesse saltare i nervi. Poi riflettè che date le circostanze era ridicolo. Avrebbe guastato l' atmosfera.
"Quale atmosfera?"
Bella domanda, quella. E mentre Gerald ruotava il corpo cavo della chiave nella seconda serratua, mentre udiva lo scatto lieve poco sopra l' orecchio sinistro, concluse che, almeno per lei, non c' era atmosfera da conservare. Proprio per questo si era accorta che la porta non era stata fissata a dovere. Per lei l' erotismo del rapporto schiava-padrone era stato di breve durata. Lo stesso non si poteva dire di Gerald. Indossava solo un paio di boxer ora e non aveva bisogno di quardarlo in faccia per vedere che il suo interesse per quel gioco era ancora più che vivo.
"Che stupidaggine", pensò, ma nemmeno la stupidaggine la raccontava tutta. C' era anche una punta di paura. Non le andava di ammetterlo, ma c' era."

LINK UTILI:
Sito web ufficiale dell' autore (EN)
Funclub uffiale (IT)

8 commenti:

liuis ha detto...

L'ho letto e mi è piaciuto. Peccato non ne abbiano fatto un film... ancora.

Smilla* ha detto...

oddio °_° non so se è un male che non ci sia ancora stato fatto un film.. considerando le scarse pellicole che sono state tratte dai libri di King ci sarebbe di che avere paura -___-

liuis ha detto...

Alcune, non tutte. Prendi Shining ;) (ma ce ne sono parecchi altri di valore).

Smilla* ha detto...

qualche eccezione che conferma la regola cè sempre no ;)?? cmq sono di più i film scarsi che quelli fatti bene.. ( purtroppo )

Chiara ha detto...

Adoro King, che però non riuscirà a sfornare racconti come COSE PREZIOSE. Quello resta un opera d'arte irraggiungibile. Questo libro mi aspetta sullo scaffale, meglio questo o INSOMNIA?
Al di fuori di tutto... è proprio un grande!

Smilla* ha detto...

guarda purtroppo "Insomnia" non l' ho mai letto quindi non ti posso dire.. però questo è davvero un bel òlibro, per lo meno a me è piaciuto davero un sacco!!! io te lo consiglio ;)

Daddun ha detto...

Ciao, eccomi qua! Ho divorato questo libro circa una decina d'anni fa: bello ed inquietante. Mi ricordo soprattutto la sensazione di terrore dell'immaginarmi da solo, legato ad un letto, sperduto in mezzo al nulla! Che brividi! Dubito che possa uscirne un film di pari intensità emotiva! Ciao, Ale

Smilla* ha detto...

già.. motivo per il quale spero non passi mai per la testa a nessun produttore -__-

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails